Perché non riesco a dimagrire? I veri motivi per cui Non perdi Peso

Hai iniziato la tua dieta, hai fatto tanti sacrifici, ma non riesci ad ottenere dei risultati. E a questo punto ti starai chiedendo: perché non riesco a dimagrire pur mangiando poco? Ti assicuriamo che i motivi ci sono, vediamo quelli principali insieme:

  • Il deficit calorico
  • L’attività sportiva
  • La dieta
  • Il metabolismo
  • I farmaci
  • Il contesto
  • La situazione psicologica
  • Altri motivi

Il dimagrimento può essere visto al pari di una scienza: un percorso da intraprendere nel nome della costanza, e della regola del deficit calorico. In pratica, il corpo umano smaltisce i chili di troppo quando assume meno calorie di quante ne brucia. Purtroppo la matematica non sempre riesce a fornire una risposta attendibile, perché ogni organismo fa storia a sé.

C’è chi ha un metabolismo rapido, come nel caso dei giovani, e chi invece deve fare più sacrifici e avere più pazienza, come nel caso delle persone avanti con l’età. Ecco perché qui di seguito ti indicheremo le possibili cause che ti impediscono di dimagrire.

Il corpo non va in deficit calorico

Ti abbiamo accennato questo argomento poco sopra, quindi vale la pena di trattarlo per primo. Se ti stai chiedendo perché non riesco a dimagrire con la dieta, probabilmente è perché il tuo corpo non brucia un quantitativo sufficiente di calorie.

Questo può dipendere da due tipologie di comportamenti: la dieta è scorretta, quindi continui ad assumere troppe chilocalorie rispetto a quelle che consumi, o non fai sufficiente attività fisica. È chiaro che potrebbero esserci anche altre cause, come gli scompensi ormonali, ma per quello noi non possiamo esserti d’aiuto: l’unico in grado di darti una risposta attendibile, infatti, è il medico.

Non fai abbastanza attività sportiva

Potresti anche aver ridotto all’osso le porzioni, ma il grasso purtroppo non va via per magia. Per poter dimagrire, infatti, è assolutamente necessario fare attività fisica, in maniera costante e – se possibile – quotidianamente.

Sappi però che non è necessario diventare degli atleti olimpionici: bastano infatti 30 minuti di camminata al giorno, meglio se a passo veloce, per iniziare a mettere in moto il tuo metabolismo. Vedrai che, con un pizzico di pazienza e di impegno, perderai molti chili in modo sano e controllato, senza per questo ridurti alla fame.

Vuoi qualche altro consiglio utile? Quando puoi evitare di prendere l’auto o il motorino, fallo. Meglio percorrere qualche chilometro in più a piedi o in bici, perché saranno tanti piccoli passi che muoverai verso il tuo atteso obiettivo: il dimagrimento.

Più attività sportiva pratichi, più sarà rapida la pratica. Chiaramente dovrai rispettare le tue condizioni fisiche di partenza, evitando di esagerare nell’immediato, per non farti male e per non stancarti troppo. Più avanti, se ne sentirai il desiderio, potrai aumentare il carico, ma solo dopo che ti sarai allenato a dovere. Persino le passeggiate col cane sono un’ottima scusa per darsi una mossa e per abbandonare piano piano la sedentarietà.

Fai una dieta che… non è una dieta

In primo luogo, le diete fai da te sono da evitare ad ogni costo: nella maggior parte dei casi non solo non servono a nulla, ma possono diventare pericolose per la tua salute. Nella nostra guida su come dimagrire pancia e fianchi, ti abbiamo dato diverse indicazioni utili in merito a questo tema.

Volendo sintetizzare, le diete troppo rigide possono rivelarsi un boomerang: dimagriresti nell’immediato, ma riprenderesti tutto con gli interessi in seguito. Inoltre, l’organismo potrebbe subire dei danni o degli scompensi, per via della mancanza dei nutrienti fondamentali per “oliare” i suoi meccanismi. Anche il sistema immunitario potrebbe subire un pericoloso contraccolpo, quindi meglio rivolgersi ad un nutrizionista.

Perché non riesco a dimagrire pur mangiando poco? Magari perché, in realtà, mangi in modo sbagliato. Anche se spesso non ce ne rendiamo conto, ogni volta che apriamo il frigo o la credenza, spiluccando quel pezzo di salume o di formaggio, aggiungiamo calorie su calorie, rendendo vani i nostri sforzi.

Sfortunatamente si tratta di situazioni che sfuggono al nostro controllo: veri e propri automatismi dettati dagli stimoli della fame, e dalle abitudini precedenti. Occhio anche ai condimenti, perché spesso è lì che si annidano le calorie più inutili che assumiamo, ad esempio quando facciamo l’insalata ma la riempiamo di olio di oliva. Infine, stop ai dolci: anche se i biscotti potrebbero sembrarti innocui, ne bastano pochi grammi per assumere tantissime calorie.

È una questione di metabolismo

Come ti abbiamo anticipato all’inizio di questo articolo, ogni persona ha il proprio metabolismo, e alle volte quest’ultimo può diventare un alleato o un nemico.

Ci sono comunque degli esami clinici che ti permettono di capire, con certezza, se dimagrisci poco a causa di un metabolismo lento. Ad ogni modo, impegnandoti di più, vedrai comunque dei risultati.

Quando perderai i primi chili, anche se ci vorrà del tempo, capirai che i tuoi sforzi ti stanno ripagando, e quindi vale la pena di non mollare proprio ora. Al di là del metabolismo, sia esso lento o veloce, il vero segreto è – come sempre – la costanza.

Considera poi che potresti essere tu l’artefice dei problemi metabolici che hai, per via delle diete scorrette o troppo drastiche che hai provato. Cosa succede all’organismo, quando si commette l’errore di adottare un regime di dieta letto su Internet? Il corpo, che in quel momento stai costringendo alla fame, reagisce entrando in modalità “sopravvivenza”.

Il metabolismo dunque inizia a rallentare, per non bruciare troppe calorie, perché sente che nell’immediato futuro potrebbe averne bisogno. Come puoi risolvere? Riprendendo una dieta normale e sana, e soprattutto iniziando con l’attività fisica e alcuni prodotti e pillole per dimagrire  per dargli una svegliata.

Farmaci e patologie

Con tutta probabilità questo non sarà il tuo caso, ma vale comunque la pena di trattare la questione. Se ti chiedi perché non riesco a dimagrire con la dieta, forse dipende dalle terapie farmacologiche che stai seguendo. Alcuni farmaci possono infatti causare delle controindicazioni, ad esempio abbassando il consumo di energia.

Ciò accade con molti antidiabetici, o farmaci per l’umore, e in quel caso devi tassativamente chiedere un consulto al tuo medico di fiducia, per trovare una soluzione. Le visite di controllo, poi, sono necessarie anche per verificare l’eventuale presenza di una patologia che potrebbe interferire con il dimagrimento.

Vivi in un contesto ricco di stimoli

La mente umana non sempre riesce a controllare gli istinti, soprattutto quando vieni bombardato di continuo da stimoli e sollecitazioni. Chi vive in città già tende a muoversi poco, e in secondo luogo spesso va a mangiare fuori, o si ferma in un fast food per un panino volante. Potresti farne a meno? Sì. È facile riuscirci?

No. Perché sei perennemente sottoposto a pubblicità e occasioni buone per risparmiare fatica e per ingozzarti di cibo spazzatura. Purtroppo questo è un fattore con il quale dovrai fare i conti, e per superarlo devi acquisire maggiore autocontrollo. Lo yoga e le altre discipline olistiche come la meditazione mindfulness, da questo punto di vista, possono aiutarti parecchio.

In realtà non sei ancora pronto

Il dimagrimento è prima di ogni altra cosa un abito mentale. Significa che, per perdere i chili di troppo, devi innanzitutto volerlo ed esserne pienamente convinto.

Non è facile come schiacciare un pulsante, perché anche qui il contesto che ti circonda pesa molto. Lo stress può ad esempio diventare un nemico quasi imbattibile, e la società moderna non ci fa mai mancare la nostra dose quotidiana di ansia. Fra problemi familiari, rapporti amorosi in crisi e difficoltà lavorative, alla fine spesso siamo quasi costretti a tornare fra le braccia di chi non ci abbandona mai: il cibo.

È importante, dunque, che vi sia intanto una certa predisposizione psicologica: quindi la piena coscienza di un cambiamento di vita che – gioco forza – ci costringerà a rinunciare a molte abitudini ghiotte come le abbuffate. È un po’ come una vera e propria dipendenza: la si può battere solo con la testa. Se capisci che in quel momento non sei pronto, non forzarti.

O meglio, se devi farlo, che sia per te stesso, pensando che così farai innanzitutto un favore alla tua salute, sia psicologica che fisica. Ti assicuriamo che, superate le difficoltà iniziali, le gratificazioni saranno parecchie e vedrai la vita sotto una prospettiva diversa.

Perché non riesco a dimagrire? Ecco altri motivi

La calma è la virtù dei forti, e la gatta frettolosa fa i gattini ciechi. La saggezza dei detti popolari, nel nostro caso, rende perfettamente l’idea. Dimagrire velocemente non è questione di uno schiocco di dita, perché serve avere pazienza, e attendere comunque un po’ di tempo.

Di conseguenza, la fretta e le aspettative di un risultato immediato potrebbero causare molti danni psicologici, portandoti a rinunciare dopo un paio di settimane di sacrifici. In quel caso avrai perso tempo e dilapidato energie inutili, e ricominciare sarà più difficile di prima.

Un altro motivo che ti impedisce di dimagrire potrebbe essere questo: hai già raggiunto il tuo peso forma, anche se la pancetta non vuole saperne di andarsene.

Qui devi capire una cosa: la pancia e il dimagrimento non sono così legati. Se vuoi avere un fisico scolpito e gli addominali a vista, non dovrai più dimagrire ma rassodare. In quel caso ti attende una seconda avventura ricca di stimoli, di sfide e di obiettivi da conseguire, ma quella è un’altra storia.

Lascia un tuo commento

Lascia un commento

PROGETTONIDA